Navigation

Consegnata petizione che chiede stop vendita armi a Turchia

Attivisti di Campax oggi a Berna KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2019 - 16:42
(Keystone-ATS)

L'organizzazione indipendente Campax ha consegnato alla Cancelleria federale una petizione minuta di oltre 8000 firme, raccolte in due sole settimane, che chiede lo stop immediato delle esportazioni di materiale bellico verso la Turchia.

L'Olanda, la Svezia, la Norvegia, la Finlandia, la Francia e la Germania hanno già interrotto le vendite di armi alla Turchia, sottolinea Campax. Ora è il turno della Svizzera, afferma l'organizzazione, che ha indirizzato la petizione al ministero dell'economia Guy Parmelin.

La raccolta delle sottoscrizioni è stata lanciata dopo l'avvio dell'offensiva turca nella regione siriana del Rojava.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.