Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Primo ostacolo superato oggi per il Preventivo 2014 della Confederazione, finito in conferenza di conciliazione. Al voto (41-1), il Consiglio degli Stati ha infatti approvato la soluzione di compromesso trovata, ossia ceduto su un aumento di 8 milioni a 78 milioni per i contributi all'export di prodotti agricoli lavorati. Quanto alla voce "beni e servizi", quest'ultima non deve venir ridotta di 150 milioni, come finora chiesto dal Nazionale.

La conferenza di conciliazione ha quindi trovato il classico compromesso svizzero. Tuttavia, non è detto che il Nazionale - cui toccherà esprimersi nel corso della mattinata - si adegui agli Stati.

In effetti, una proposta di minoranza chiede alla camera del popolo di confermare sia l'aumento dei mezzi destinati ai prodotti agricoli che il taglio di 150 milioni di franchi. L'esito della votazione è quindi incerto.

Qualora il compromesso tra le camere non dovesse venir confermato, entrerà in vigore il preventivo più vantaggioso, ossia quello uscito dalle deliberazioni del Nazionale che prevede un'eccedenza di 113 milioni, per uscite globali pari a 66,132 miliardi e entrate per 66,245 miliardi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS