Navigation

Consiglio Europa:Italia responsabile morte 63 migranti

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2012 - 14:41
(Keystone-ATS)

"L'Italia, come primo Stato ad aver ricevuto la chiamata di aiuto e sapendo che la Libia non poteva ottemperare ai propri obblighi, avrebbe dovuto assumere la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso". Lo si legge nel rapporto del Consiglio d'Europa sulla morte di 63 immigrati nel Mediterraneo nel marzo 2011.

Il rapporto conclusivo sull'inchiesta condotta sulla morte dei 63 migranti nel marzo 2011 è stato approvato oggi dal comitato per l'immigrazione dell'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa. Nel documento si sottolineano anche le gravi responsabilità della Nato e dei singoli paesi che hanno partecipato alla guerra in Libia e che avevano navi che in quel momento solcavano quel tratto del Mediterraneo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?