Navigation

Consiglio federale: candidatura verde, partiti disposti a parlarne

Gli altri partiti sembrano aprire alla candidatura della Rytz per il governo. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2019 - 17:40
(Keystone-ATS)

Arrivano segnali di apertura dagli altri partiti alla disponibilità di candidarsi al Consiglio federale comunicata oggi dalla presidente dei Verdi Regula Rytz.

Per il PS si tratta di un primo passo logico e anche l'UDC non dice di no a priori, ma vuole che sia Simonetta Sommaruga, e non Ignazio Cassis, a lasciare il governo.

Rytz ha nel mirino la poltrona del ticinese, stimando che la doppia rappresentanza liberale-radicale nell'esecutivo non sia più giustificata. Secondo il capogruppo socialista alle Camere Roger Nordmann (VD), l'annuncio della consigliera nazionale bernese chiarisce le cose, ma va trovata una soluzione equilibrata.

"Dobbiamo discuterne con gli altri partiti: bisogna riequilibrare le forze in governo per fare in modo che esso sia specchio fedele della reale potenza dei vari schieramenti", ha affermato il vodese, contattato dall'agenzia Keystone-ATS.

Per il capogruppo UDC Thomas Aeschi (ZG) è evidente che due PLR e due PS siano troppi. Ma se Rytz prendesse il posto di Cassis, ci sarebbero nuovamente due bernesi nell'esecutivo e si punirebbe il Ticino, dando prova di grande insensibilità. A suo avviso dunque, un ipotetico consigliere federale ecologista dovrebbe sostituire la socialista Sommaruga, anch'essa del canton Berna.

Aeschi domani domanderà al suo gruppo di invitare Rytz a un'audizione martedì prossimo. "In seguito, decideremo come procedere", ha concluso.

Poco è trapelato invece in casa PPD. Stando al portavoce Michaël Girod, la composizione del Consiglio federale sarà discussa sabato e il partito aspetta che i Verdi confermino il nome della Rytz, di cui "prendiamo nota".

Bocche cucite o quasi infine in seno al PLR. È troppo presto per prendere una posizione, ha detto il capogruppo Beat Walti (ZH). Una dichiarazione è attesa per domani nel corso di un incontro con la stampa previsto per le 17.30.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.