Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale si è riunito oggi a Svitto, nella sua ottava seduta "extra muros", ossia "fuori dalle mura" bernesi, dal 2010. Il governo ha così voluto di nuovo manifestare il suo attaccamento a tutte le regioni del paese, scegliendo stavolta uno dei cantoni fondatori della Svizzera. Concluso il lavoro, i consiglieri federali hanno incontrato la popolazione locale per l'aperitivo, distribuendo autografi e sorrisi.

Stamane ai piedi dei Mythen a brillare non era soltanto il sole. Luccicavano anche gli occhi di Didier Burkhalter, quando alle 8.45 è arrivato a bordo di un minibus blu scuro nel giardino della villa Ital Reding, dal nome dell'omonimo notabile che la fece costruire nel 1609. "Bello!", ha esclamato il presidente della Confederazione, che si è detto felice di essere a Svitto e di poterne incontrare gli abitanti dopo la riunione del governo. "Sono sempre momenti particolari", ha affermato il consigliere federale.

È vero che il canton Svitto è "il numero uno dei Neinsager" (quelli che dicono sempre di no) nelle votazioni, ha concesso il presidente della Confederazione. Ma non per questo gli svittesi sono persone chiuse, ha aggiunto: sono aperti alle discussioni e "osano dire di no".

Conclusa la riunione del governo, ritardato a quasi le 12.30, l'aperitivo con la popolazione, offerto al centro culturale e congressuale MytenForum dal Consiglio di Stato. Non si sono lasciati sfuggire l'occasione molti notabili locali: c'erano parlamentari cantonali e federali e l'abate di Einsiedeln, Urban Federer.

I consiglieri federali sono stati salutati dal landamano (presidente del governo cantonale) Walter Stählin che ha offerto i regali di rito. "Avete fatto del nostro giorno di seduta una festa", ha ringraziato il presidente Burkhalter, che domani compie i 54 anni. Verso la una e mezzo i ministri federali hanno salutato tutti per un pranzo con i membri del governo cantonale.

Il Consiglio federale ha già tenuto sedute "extra muros" in Ticino e nel Giura nel 2010, nei cantoni di Uri, Vallese e Basilea Città nel 2011, a Sciaffusa nel 2012. Lo scorso anno si è recato nel canton Vaud.

SDA-ATS