Navigation

Consiglio nazionale: più soldi per formazione professionale e SUP

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2011 - 20:59
(Keystone-ATS)

Il Consiglio nazionale chiede più soldi per la formazione professionale e le Scuole universitarie professionali (SUP). La Camera ha aumentato globalmente di 114 milioni di franchi l'importo di 5,185 miliardi proposto dal Consiglio federale per la promozione dell'educazione, della ricerca e dell'innovazione nel 2012.

In materia di formazione professionale, il Nazionale ha già innalzato il limite di spesa a 757,6 milioni di franchi e il credito d'impegno a 88 milioni. Tutto ciò equivale a un totale di 100 milioni supplementari rispetto alla proposta del Consiglio federale e di circa 50 rispetto alla versione degli Stati.

L'obiettivo è di fare in modo che il contributo dei poteri pubblici raggiunga dall'anno prossimo una proporzione del 25%, come chiede la legge sulla formazione professionale. L'importo inizialmente previsto dal Consiglio federale corrispondeva soltanto al 22,5%.

Riprendendo oggi il dibattito su questo tema, il Consiglio nazionale ha adottato, con 82 voti contro 71, una proposta della minoranza rosso-verde. Esssa esige che un importo di 900'000 franchi del credito d'impegno sia dedicato alle associazioni che si occupano della formazione continua.

Per il resto, la Camera del popolo ha seguito quella dei Cantoni. Per quel che concerne le SUP, ha accettato di aumentare a 439,4 milioni di franchi il limite di spesa per i contributi agli oneri di gestione. Il Consiglio federale proponeva 14 milioni di meno.

Rispetto agli Stati, il Nazionale ha anche adottato - ma con soli 83 voti a 81 - una clausola secondo cui i fondi concessi alle università nel 2012 sono assolutamente garantiti. La disposizione, che ha dato adito a un lungo dibattito, era combattuta dall'UDC, come pure da una parte del PPD e del PLR.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?