Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il clima dei consumi è di nuovo leggermente migliorato in Svizzera nel mese di ottobre, grazie al miglioramento delle prospettive nel commercio al dettaglio e alla rinnovata fiducia dei consumatori.

L'indicatore UBS dei consumi è salito a 1,60 punti, contro 1,56 punti di settembre (dato rivisto). Si tratta del livello più elevato dal marzo 2014.

Benché i consumatori si attendano un peggioramento della situazione del mercato del lavoro, ha leggermente prevalso la prospettiva di una ripresa congiunturale, si legge in un comunicato odierno di UBS.

L'andamento degli affari nel commercio al dettaglio sembra essere lievemente migliorato: secondo l'Ufficio federale di statistica in settembre il fatturato reale corretto in base all'effetto dei giorni di vendita è aumentato dello 0,1% rispetto al mese precedente.

L'indice del settore calcolata dal Centro di ricerche congiunturali del Politecnico federale di Zurigo (KOF) rimane per contro nettamente al di sotto della media di lungo periodo. Sebbene i prezzi delle importazioni siano notevolmente diminuiti a causa della forza del franco, i costi sono sostenuti in gran parte nella moneta nazionale. Anche il cosiddetto turismo degli acquisti incide sul ramo.

Con un anticipo di circa tre mesi rispetto alle cifre ufficiali, l'indicatore UBS dei consumi dà un'idea dell'andamento dei consumi privati elvetici, che con oltre il 50% rappresentano la componente più significativa del prodotto interno lordo svizzero. Viene calcolato in base a sei variabili: vendite di nuove autovetture, andamento delle vendite nel commercio al dettaglio, numero di pernottamenti in albergo da parte di residenti in Svizzera, indice della fiducia dei consumatori, andamento occupazionale e fatturato delle carte di credito generato tramite UBS nei punti vendita nazionali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS