Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Heinz Tännler, responsabile delle finanze del canton Zugo.

KEYSTONE/ALEXANDRA WEY

(sda-ats)

Il Canton Zugo chiude i conti del 2016 con un disavanzo di 92,1 milioni di franchi, a fronte di spese complessive per 1,44 miliardi. Il deficit è risultato di 78,2 milioni inferiore al preventivo, ma non eviterà al Cantone di aumentare le imposte.

A migliorare il risultato sono state da una parte misure che hanno permesso di ridurre le spese per circa 20 milioni di franchi, ma anche le maggiori entrate fiscali. Stando ai dati pubblicati oggi, le imposte versate dalle persone fisiche hanno superato di 9,6 milioni le previsioni e quelle delle persone giuridiche di 29,4 milioni.

Il Cantone assurto a simbolo della concorrenza fiscale continua nonostante ciò a registrare un disavanzo strutturale. Il Dipartimento cantonale delle finanze, guidato da Heinz Tännler (UDC), ritiene perciò inevitabile che, oltre alle misure di contenimento delle spese, si cominci a pensare anche ad un piano per un "aumento sostenibile" delle imposte che - stando a una nota - dovrebbe concretizzarsi a partire dal 2019.

Le cifre rosse stanno in effetti avendo un impatto sul capitale proprio, sceso l'anno scorso di 87,4 milioni a 805,8 milioni di franchi.

Eccedenza a Friburgo

Il Cantone di Friburgo registra dal canto suo un'eccedenza di 86,8 milioni di franchi, nonostante un aumento del 5,1% delle spese, a 3,55 miliardi di franchi, mentre gli introiti sono saliti a 3,47 miliardi (+2,1%).

Il Consiglio di Stato proporrà al Gran Consiglio la creazione di un fondo di politica fondiaria attiva, dotato di 100 milioni di franchi. L'obiettivo è di permettere allo Stato di rilevare stabili da destinare successivamente all'insediamento o allo sviluppo di imprese, ha indicato oggi alla stampa il "ministro" delle finanze Georges Godel.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS