Navigation

Cooperazione internazionale, 11 miliardi dal 2013 al 2016

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2012 - 14:23
(Keystone-ATS)

Fra il 2013 e il 2016 la Svizzera dovrebbe spendere 11,35 miliardi in progetti di cooperazione internazionale. Il Consiglio federale ha trasmesso oggi un messaggio in tal senso al Parlamento. L'obiettivo principale del governo continuerà ad essere la riduzione della povertà.

L'esecutivo ha previsto di destinare 6,92 miliardi, il 61% del totale, alla cooperazione tecnica e all'aiuto finanziario in favore dei paesi in via di sviluppo, di competenza della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC). All'aiuto umanitario e al Corpo svizzero di aiuto umanitario andranno 2,03 miliardi, il 17,8% del pacchetto.

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) riceverà, da parte sua, 1,28 miliardi (11,3%) per i provvedimenti di politica economica e commerciale nell'ambito della cooperazione allo sviluppo. La cooperazione con l'Europa dell'est, assunta congiuntamente da SECO e DSC, beneficerà di 1,13 miliardi (9,9%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?