Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Corea del Nord minaccia "misure corrispondenti" con l'arrivo di ulteriori sanzioni punitive da parte del Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

È il messaggio di un portavoce del ministero degli Esteri rilanciato dall'agenzia ufficiale Kcna sulle discussioni in corso per un nuovo pacchetto di sanzioni collegato al lancio del missile intercontinentale della scorsa settimana. Se dovessero maturare, "la risposta alla risoluzione sarà come un atto di giustizia".

Il successo del lancio del missile balistico intercontinentale Hwasong-14 "ha dimostrato in pieno desideri e capacità della Corea del Nord nell'annientare gli Usa in un singolo colpo al cuore del suo territorio in caso manchi di comportarsi con giudizio", si legge nel dispaccio della Kcna che prende di mira Washington come ispiratore delle possibile e prossima mossa all'Onu.

"È tempo per gli Usa di rivedere le sue prospettive sulla posizione strategica della Corea del Nord che ha raggiunto picchi luminosissimi. Ad ogni modo, gli Usa stanno invitando il loro tragico destino ricercando le sanzioni e premendo per una campagna contro la Corea del Nord".

Uno sviluppo che si risolverebbe in un "errore fatale" in forza del fatto che "la Corea del Nord è salita a una posizione solenne di potenza nucleare" con missili intercontinentali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS