Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un

KEYSTONE/AP/WONG MAYE-E

(sda-ats)

La Corea del Nord ha effettuato questa mattina un nuovo test missilistico che i militari di Seul ritengono sia fallito. Lo riferisce l'agenzia Yonhap.

"La Corea del Nord ha lanciato un missile da un'area vicina alla base aerea di Wonsan, ma si ritiene che non sia riuscito", ha reso noto il ministero della Difesa in una nota. Al momento, sono ancora in corso le verifiche per accertare la tipologia del vettore usato, mentre non è esclusa la possibilità che il Nord proceda ad altre provocazioni con un secondo missile. "I nostri militari sono preparati" ad affrontare uno scenario del genere.

Pyongyang, dopo che il leader Kim Jong-un ha parlato di fasi finali in vista di un test di missile intercontinentale nel discorso alla nazione di inizio anno, ha mostrato dinamismo sul fronte balistico. Il 12 febbraio, infatti, è stata la volta di un missile di medio raggio, presentato con il nome di Pukguksong-2, finito nelle acque del mar del Giappone. Il 6 marzo, invece, è stata la volta di 4 vettori partiti dalla base di Dongchang-ri, nel nordovest del Paese, tre dei quali finiti a 250-300 km dalle coste del Giappone dopo una gittata di circa 1000 km.

"Il mondo intero testimonierà presto l'importante significato della grande vittoria", ha commentato Kim, nel resoconto fatto domenica dall'agenzia ufficiale Kcna, sulla prova di un nuovo motore per missili/razzi, quando a Pechino il segretario di Stato americano Rex Tillerson e il presidente cinese Xi Jinping stavano per incontrasi nella Grande Sala del Popolo. Lo sviluppo e il completamento del motore "aiuteranno a consolidare le fondamenta scientifiche e tecnologiche per raggiungere i massimi livelli di messa in orbita satellitare nello sviluppo dell'aerospazio".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS