Navigation

Corea Nord: basta tensioni con gli Stati Uniti

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 gennaio 2010 - 09:16
(Keystone-ATS)

LONDRA - In un messaggio di Capodanno la Corea del Nord ha lanciato un nuovo segnale di distensione nella crisi nucleare che la vede protagonista: Pyongyang ha definito "fondamentale" porre "fine all'ostile relazione" con gli Stati Uniti e ha espresso la volontà di rendere "denuclearizzata" la penisola coreana.
"Il compito fondamentale per assicurare pace e stabilità nella penisola coreana e nel resto dell'Asia è quello di porre fine all'ostile relazione tra la Rdpc e gli Usa", ha riferito la Kcna, l'agenzia ufficiale della Repubblica Democratica Popolare di Corea nordcoreana (Rdpc).
Il presidente americano Barack Obama a dicembre aveva scritto una lettera personale al leader nordcoreano Kim Jong-il nel tentativo di persuaderlo a tornare al tavolo dei negoziati per il disarmo nucleare abbandonato da Pyongyang un anno fa.
Oltre che con gli Usa, le trattative vengono condotte con Cina, Giappone, Russia e Corea del Sud e puntano a convincere i coreani del Nord ad abbandonare le loro velleità militari in cambio di massicci aiuti alla sua disastrata economia e di una fine dell'ostracismo internazionale.
La Corea del Nord ha fatto esplodere ordigni atomici ma non ha ancora dimostrato di poter costruire una bomba abbastanza piccola da essere collocata nella testata di un missile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.