Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli hacker nordcoreani sono in grado di sferrare attacchi informatici che possono distruggere infrastrutture chiave e anche uccidere: lo sostiene Kim Heung-Kwang, un professore universitario che ha insegnato informatica per 20 anni prima di fuggire dal Paese nel 2004.

In una intervista esclusiva alla BBC, Kim Heung-Kwang ha detto che la Corea del Nord ha circa 6000 hacker militari: molti dei suoi ex studenti formano oggi la nota unità di hackeraggio del Paese, denominata Bureau 121, che opererebbe dalla Cina e sarebbe responsabile di numerosi attacchi.

Molti attacchi, secondo indiscrezioni, sarebbero stati rivolti contro le infrastrutture della Corea del Sud, come impianti elettrici e banche.

Il professore ha detto di avere contatti regolari con persone di alto livello nel Paese che hanno una conoscenza diretta delle cyberoperazioni dell'apparato militare nordcoreano. "Le dimensioni dell'agenzia per i cyberattacchi sono aumentate notevolmente - ha detto il professore - e adesso ha un organico di circa 6000 persone".

Secondo il professor Kim tra il 10% e il 20% del budget militare del regime viene speso per operazioni online. "La Corea del Nord tormenta altri Paesi per dimostrare che ha capacità cyberbelliche - ha aggiunto Kim -. I loro cyberattacchi potrebbero avere impatti simili agli attacchi militari, che uccidono e distruggono città".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS