Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Kim Jong-Nam (sinistra), il fratellastro del leader di Pyongyang Kim Jong-un (destra).

KEYSTONE/AP/SHIZUO KAMBAYASHI, WONG MAYE-E

(sda-ats)

La polizia malese ha arrestato un uomo in possesso di un passaporto nordcoreano nell'ambito delle indagini sulla morte di Kim Jong-nam, fratellastro maggiore del leader di Pyongyang Kim Jong-un, assassinato lunedì mattina all'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur.

Si tratta della quarta persona a essere fermata per il sospetto coinvolgimento dopo le due donne, una vietnamita e una indonesiana, e il fidanzato di quest'ultima. Gli inquirenti hanno confermato le anticipazioni del China Press, quotidiano locale in lingua cinese.

La polizia, in un breve comunicato, ha reso noto che l'uomo è stato rintracciato a Selangor, vicino a Kuala Lumpur, ed era in possesso di un documento d'identità su cui compariva il nome Ri Jong-chol, nato il 6 maggio del 1970.

La polizia ha anche spiegato che è stata eseguita una seconda autopsia sul corpo di Kim Jong-nam per capire le cause del decesso, cosa non riuscita nel primo tentativo.

Una mossa che ha provocato la dura reazione dell'ambasciatore nordcoreano Kang Chol: ''Rigetteremo in modo categorico l'esito dell'autopsia condotta unilateralmente senza la nostra presenza'', ha scandito il diplomatico leggendo una dichiarazione in piena notte, denunciando ''un complotto politico'' e di ''forze ostili''. E accusando la Malaysia di aver ''violato le elementari leggi internazionali e le leggi consolari'' negando la presenza di rappresentanti nordcoreani all'autopsia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS