Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'inviato cinese Wu Dawei a colloquio con il ministro degli esteri sudcoreano Yun Byung-Se

Keystone/EPA AFP POOL/JUNG YEON-JE / POOL

(sda-ats)

La Cina e la Corea del Sud hanno concordato sull'opportunità di pesanti misure contro la Corea del Nord, in linea con le risoluzioni dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, nel caso di un altro test nucleare o missilistico, magari intercontinentale.

È il risultato degli incontri che Wu Dawei, inviato speciale di Pechino sulle vicende nordcoreane, ha avuto a Seul con la controparte Kim Hong-kyu e il ministro degli Esteri sudcoreano Yun Byung-se.

Wu, hanno riferito i media locali, ha spiegato l'importanza di risolvere i contenziosi attraverso il dialogo, puntando alla denuclearizzazione della penisola.

Kim, dopo l'incontro, ha spiegato di aver sollecitato la Cina a fare più sforzi contro gli sviluppi delle ambizioni nucleari del Nord, considerata la minaccia di gran lunga più grave.

Wu, da parte sua, ha ribadito la netta opposizione di Pechino alla installazione in Corea del Sud dei sistemi antimissile americani Thaad, valutati come una minaccia alla sicurezza nazionale, ma visti da Seul come un deterrente "efficace" contro le possibili intemperanze di Pyongyang.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS