Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'UE rafforza le sanzioni contro la Corea del Nord.

Keystone/AP/KATSUMI KASAHARA

(sda-ats)

L'UE rafforza le sanzioni contro la Corea del Nord, in linea con quanto deciso dal Consiglio di sicurezza dell'ONU a novembre.

I 28 hanno varato ulteriori misure restrittive di tipo sostanzialmente economico che prevedono restrizioni sugli scambi di carbone e ferro, il bando delle importazioni di rame, nickel, argento, zinco e statue.

Lo stop riguarda anche le esportazioni di nuovi elicotteri e navi, e un giro di dite alle sanzioni già in vigore nei settori finanziario, immobiliare e dei trasporti.

È stato inoltre imposto il divieto di formazione da parte dei 28 nei confronti dei nordcoreani nelle discipline legate al nucleare e alla missilistica, e sospensione della cooperazione tecnica e scientifica in cui sia in qualche modo coinvolta la Corea del Nord, tranne per scambi medici. Ci sono però alcune esenzioni per evitare che le nuove sanzioni impattino da un punto di vista umanitario la popolazione nordcoreana.

In dicembre il Consiglio di sicurezza dell'ONU aveva già aggiunto 11 persone e 10 entità alla lista nera per cui è previsto il congelamento dei beni e il blocco dei visti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS