Navigation

Corea Sud: accuse corruzione, rinuncia premier designato

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2010 - 12:20
(Keystone-ATS)

SEUL - Il primo ministro designato sudcoreano e altri due ministri nominati hanno rinunciato oggi per accuse di corruzione.
Il presidente Lee Myung-bak aveva scelto Kim Tae-ho come primo ministro all'inizio di questo mese, ma dopo una infuocata audizione per la conferma la scorsa settimana, nella quale l'opposizione ha messo in dubbio le sue competenza e la sua moralità, Kim ha rinunciato all'incarico.
"Ho dato le dimissioni da primo ministro designato perché non voglio causare ulteriori problemi al lavoro del presidente - ha detto Kim, 47 anni, in una conferenza stampa a Seul -. Durante la procedura di conferma ho sinceramente ammesso le mie numerose carenze. Sebbene ritenga che alcune delle accuse siano un po' ingiuste, le accetto poiché sono state provocate dalla mie insufficienze".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.