Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SEUL - Le esercitazioni militari congiunte di Usa e Corea del Sud, in corso nel Mar del Giappone, sono oggi al loro secondo giorno e "si concentreranno sulla rilevazione più definita delle intrusioni da parte di sottomarini nemici, con relativa risposta di attacco". È quanto ha riferito il colonnello Lee Bung-woo, portavoce dello Stato maggiore delle Forze armate di Seul.
Sempre in giornata sono attese le manovre contro attacchi simulati da sottomarini nemici, mentre uno squadrone di caccia prevede di aprire il fuoco al largo della costa orientale su bersagli.
Le operazioni militari sono in corso nelle acque internazionali al largo dell'isola di Ulleung, che si trova a 120 chilometri a est della penisola di Corea e a circa 300 dalle acque territoriali nordcoreane.
Domani, invece, sono in programma le batterie di artiglieria navali contro un sottomarino, simulando un'azione contro un mezzo della Corea del Nord. Lancio di siluri, rafforzamento della difesa aerea e navale contro incursioni aeree del Nord, assieme alle operazioni di rifornimento aereo risultano tra gli scenari ulteriori possibili, ha aggiunto Lee.
"Invincible Spirit", il nome in codice delle esercitazioni che coinvolge anche la superportaerei a propulsione nucleare USS George Washington, è un'iniziativa di quattro giorni che ha lo scopo di lanciare un forte segnale di deterrenza degli alleati rivolto all'"aggressività di Pyongyang", responsabile - secondo Usa e Corea del Sud - di aver silurato il 26 marzo una corvetta sudcoreana, uccidendo 46 membri dell'equipaggio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS