Navigation

Coronavirus: è corsa al vaccino, ma c'è problema selezione

La via verso un vaccino contro il coronavirus è disseminata di incognite. KEYSTONE/EPA/CENTERS FOR DISEASE CONTROL AND PREVENTION HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2020 - 17:31
(Keystone-ATS)

In meno di cinque mesi dall'inizio della pandemia, sono ben 90 i vaccini anti-Covid-19 in corsa, ma solo sei sono giunti alla sperimentazione sull'uomo, e ci si comincia a porre il problema di come selezionare i più promettenti.

A fare il punto è la rivista Nature. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha abbozzato un programma per gli studi clinici che testeranno numerosi vaccini in un'unica sperimentazione, ma la questione principale rimane quali tra questi vaccini verrà testato per primo e come verrà misurata e confrontata la loro efficacia.

"Servirà un livello di coordinamento e una tempistica mai avute prima", commenta Mark Feinberg, presidente dell'International AIDS Vaccine Initiative (IAVI) di New York. Il piano di sperimentazione sui vaccini dell'Oms - Solidarity - cerca di velocizzarne lo sviluppo con un programma flessibile, che permetterà di aggiungerli in corsa in base ai dati, arruolando continuamente volontari ed eliminando i vaccini che non sembrano funzionare.

Ma, come rileva Marie-Paule Kieny dell'Istituto nazionale di ricerca medica di Parigi, l'Oms ancora deve indicare "quale vaccino verrà testato prima e come ne verrà misurata l'efficacia".

L'Oms ha costituito un gruppo di esperti con il compito di indicare la priorità e come misurare l'efficacia dei diversi vaccini, ma è difficile che sia l'unica organizzazione a cercare di fare questo. Ad esempio l'Istituto nazionale di salute (Nih) degli Usa ha già siglato una partnership con più di dodici aziende per lo sviluppo di farmaci e vaccini contro il nuovo coronavirus, mentre la Coalition of Epidemic Preparedness (Cepi) sta supportando nove vaccini diversi. Secondo Kieny, i criteri per dare la priorità a un vaccino dovrebbero includere la sua capacità di produzione e la risposta immunitaria generata nelle prime sperimentazioni sull'uomo e gli animali.

Un altro problema sarà decidere come confrontare i diversi vaccini tra loro. La proposta dell'Oms permetterebbe di comparare direttamente la resa dei diversi vaccini, ma è possibile che non tutte le aziende siano d'accordo. "Avremo bisogno di più di un vaccino - continua Kieney - e per nessun vaccino da solo ci sarà una capacità produttiva sufficiente".

Alcune aziende stanno cercando delle alternative più veloci alle sperimentazioni classiche, come quella di basarsi sui risultati delle prime fasi di test fatti su alcune centinaia di volontari, e poi chiedere il permesso delle agenzie regolatorie di sviluppare il vaccino sotto le regole dell'uso di emergenza nei gruppi più a rischio.

C'è anche chi ha proposto cose più radicali, come infettare di proposito volontari giovani e sani per vedere se il vaccino funziona, senza aspettare che si infettino naturalmente, come si fa nelle sperimentazioni. Lo si è già fatto per malaria e dengue, per velocizzare i tempi, ma per alcuni è troppo rischioso non essendoci ancora un farmaco efficace.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.