Navigation

Coronavirus: 10 svizzeri lasceranno Cina a breve, DFAE

Il DFAE e l'UFSP hanno fornito oggi le ultime informazioni riguardanti il virus. KEYSTONE/PK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2020 - 15:12
(Keystone-ATS)

Sono 10 gli svizzeri che vogliono tornare in patria: il rientro avverrà nei prossimi giorni grazie alla collaborazione con la Francia, ha indicato oggi Hans-Peter Lenz, capo del Centro di gestione delle crisi del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Al momento, ha precisato Lenz, sono circa 500 i cittadini svizzeri in viaggio in Cina iscritti su "Itineris", il portale del DFAE su cui registrarsi quando si viaggia all'estero. Di essi una decina si trovano nella provincia di Hubei, dove si trova la città di Wuhan.

La Confederazione non dispone di personale in quella regione, ha indicato Lenz, precisando che questi cittadini svizzeri sono tuttavia in costante contatto via telefono, per email o via chat con gli specialisti del DFAE. Al momento sono tutti in buona salute e sono al sicuro.

Lunedì 26 gennaio uno di essi ha inoltrato alle autorità elvetiche una richiesta di rimpatrio e nel frattempo le persone interessate sono diventate 10. Tre di essi sono nella città di Wuhan, le altre sette ad alcune ore di macchina dall'epicentro dell'epidemia.

Il DFAE ha immediatamente reagito, prendendo contatto con altri paesi, ad esempio Germania o Francia, che hanno molti più cittadini nella regione di Wuhan e dispongono quindi di più mezzi. La Francia ha messo a disposizione degli svizzeri una decina di posti sul suo secondo volo di rimpatrio: un primo aereo ha già raggiunto Marsiglia questo pomeriggio. "Siamo estremamente grati a Parigi per questo aiuto", ha affermato il direttore dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) Pascal Strupler.

Lenz ha aggiunto che i 10 cittadini elvetici dovranno raggiungere entro domani in giornata il consolato francese a Wuhan: le sette persone che vivono fuori città devono organizzarsi autonomamente, anche se il DFAE ha fornito loro tutti i documenti e i lasciapassare necessari a certificare che hanno un volo pronto a portarli fuori dalla Cina. La situazione a livello di viabilità è al momento molto limitata, con check point e controlli ovunque.

Il volo, che è già stato posticipato due volte, dovrebbe partire da Wuhan nella notte tra sabato e domenica - "potremo dirlo con sicurezza solo quando sarà decollato", ha detto Lenz - e sarà presumibilmente diretto a Marsiglia. La quarantena, alla quale dovranno sottostare anche i cittadini svizzeri, verrà organizzata in una non meglio precisata località del Sud della Francia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.