Navigation

Coronavirus, 42% dei ticinesi ha paura

La situazione è difficile. Nella foto: servizio a domicilio per anziani e persone in difficoltà a Biasca. KEYSTONE/Pablo Gianinazzi sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2020 - 20:49
(Keystone-ATS)

Oramai il 42% dei ticinesi si ritiene personalmente minacciato dal coronavirus.

Il dato, che emerge da un sondaggio dell'istituto demoscopico Link, è superiore a quelli che si registrano in Romandia (36%) e Svizzera tedesca (27%) ed è in sensibile aumento anche nel raffronto con il precedente rilevamento (30%).

Il 35% degli svizzeri ritiene che l'epidemia avrà conseguenze negative sulla propria situazione finanziaria, valore che sale a oltre il 40% in Romandia e a sud delle Alpi, si legge in un comunicato diffuso in serata. I dati sono stati raccolti interrogando circa 1300 persone fra il 18 e il 24 marzo (è il quarto sondaggio sul tema, quello prima era stato condotto fra il 10 e il 12 marzo).

Anche la percezione del virus quale minaccia globale è nettamente più accentuata: è visto come una minaccia per il mondo ormai dal 79% degli interrogati (erano solo il 45% due settimane prima) e per la Svizzera dal 75% (un balzo dal 30%).

Per quanto riguarda i singoli comportamenti, è nettamente progredita (all'87% al 47%) la quota di coloro che evitano i mezzi pubblici, come pure quella che è attiva con il telelavoro (dal 31% al 58%). Il 32% ha predisposto scorte d'emergenza e il 25% indossa la mascherina (solo l'11% nel rilevamento precedente).

L'appello del Consiglio federale a rimanere a casa viene seguito: l'89% afferma di restare più spesso nel proprio alloggio. Il sondaggio mette in risalto pure la fame di informazione (è aumentata la fruizione: soprattutto tv, molto online, ma anche radio e giornali) e il fatto che il commercio online sta approfittando solo in parte della situazione: si tende infatti a posticipare gli acquisti.

Il 75% degli interpellati ritiene corretto che il Consiglio federale abbia dichiarato la situazione straordinaria, il 9% reputa il provvedimento esagerato, mentre il 16% vorrebbe misure più drastiche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.