Navigation

Coronavirus: altre 3 settimane di lockdown in Gb

Dominic Raab (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA/ANDY RAIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2020 - 19:19
(Keystone-ATS)

Il Regno Unito resta in lockdown per almeno altre tre settimane sullo sfondo di un situazione segnata da oltre 100'000 contagi da coronavirus diagnosticati e centinaia di morti al giorno.

L'annuncio, scontato, è giunto oggi sulla base della raccomandazione di un comitato di consulenti scientifici (Sage) dal ministro Dominic Raab, supplente del convalescente Boris Johnson alla guida del governo Tory.

Raab ha detto che le restrizioni sociali imposte dal 23 marzo stanno funzionando, ma che non è certo che il picco sia stato superato.

Raab ha spiegato che "nessuna delle restrizioni" per ora introdotte potrà essere rimossa finché non si saranno determinate 5 condizioni base: garantire che vi sia spazio sufficiente negli ospedali per assistere le persone; verificare "un significativo e continuo" calo nel numero di morti quotidiane; avere dati affidabili su una diminuzione dei contagi a livelli gestibili; assicurare piena disponibilità di test e dotazioni di protezione personale; essere certi che nessuna modifica possa produrre una seconda ondata sul servizio sanitario (Nhs). Ha quindi ripetutamente detto di non voler dare alcuna indicazione su piani di exit strategy delle misure in atto sino a quando il governo non avrà rassicurazioni validate dai suoi "consiglieri medici e scientifici" su questi 5 punti.

Un alleggerimento "prematuro" sarebbe "irresponsabile", ha avvertito, spalleggiato dal consigliere scientifico del governo Patrick Vallance e dal chief medical officer Chris Whitty, e potrebbe innescare "una seconda ondata" di contagi e un'impennata di morti. Oltre a provocare e allontanare in definitiva ulteriormente le prospettive di ripresa economica dai contraccolpi della pandemia.

Nello stesso tempo Raab ha riconosciuto che la popolazione britannica nel complesso sta seguendo ora disciplinatamente le indicazioni e rivolgendosi in modo diretto alla gente ha ammesso che il lockdown è pesante, invitandoli tuttavia a resistere "ancora per un po'" per evitare di "disperdere il grande sforzo nazionale" fatto finora per combattere il virus e rendere vano il sacrificio di tanti morti.

Dominic Raab non è entrato comunque nel merito delle stime avanzate in mattinata dal professor Neil Ferguson, dell'Imperial College di Londra, un altro dei consiglieri del governo, esperto di modelli matematici applicati alle epidemie, secondo il quale bisognerà preparasi a tempi lunghi. E a un mantenimento di "qualche forma di distanziamento sociale", anche quando il lockdown dovesse essere allentato, destinata a protrarsi "finché non sarà disponibile un vaccino" alla portata di tutti: ossia un anno o qualcosa di più nei pronostici globali prevalenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.