Navigation

Coronavirus: America latina, 30 milioni torneranno in povertà

L'epidemia farà ripiombare nella povertà milioni di persone in America latina. KEYSTONE/AP/JUAN KARITA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2020 - 17:20
(Keystone-ATS)

L'America latina, che sta affrontando in questi giorni il picco della pandemia di coronavirus, deve attendersi in futuro gravi conseguenze economiche e sociali, poiché decine di milioni di persone torneranno in una condizione di povertà estrema.

Lo ha sostenuto Luis Felipe López Calva, direttore regionale del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Pnud) e segretario generale aggiunto dell'Onu.

"Dopo un periodo di riduzione della povertà costante negli ultimi 15 anni - ha sottolineato López Calva - circa 30 milioni di persone, nella regione, torneranno poveri ed avranno bisogno di aiuto".

Il maggior impatto del Covid-19, ha ancora detto in una conferenza virtuale per il Centro Knigth dell'Università del Texas, si registrerà "nei livelli sociali molto, molto bassi" che nelle sue statistiche la Banca mondiale definisce di "povertà estrema".

Il fenomeno di ritorno alla povertà nel subcontinente latinoamericano, ha infine detto, sarà più importante perfino di quello che si prevede per l'Africa subsahariana "dove i nuovi poveri post Covid-19 saranno circa 24 milioni".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.