Navigation

Coronavirus: analgesici, attingere a scorte obbligatorie

Scarseggiano alcuni farmaci KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2020 - 19:05
(Keystone-ATS)

La Confederazione si prepara ad attingere alle scorte obbligatorie di alcuni farmaci che cominciano a scarseggiare, quali analgesici e antibiotici, spesso usati dai pazienti affetti da covid-19.

"Per la cura del coronavirus sarà necessario far capo alla scorta obbligatoria", ha dichiarato questa sera Ueli Haudenschild, dell'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico alla radio svizzerotedesca SRF.

Secondo Petra Staub, presidente dell'Associazione svizzera dei farmacisti dell'amministrazione e degli ospedali (GSASA), intervenuta nella stessa trasmissione radiofonica, le scorte obbligatorie svolgeranno comunque un ruolo limitato. Gli ospedali hanno infatti aumentato i loro stock di medicinali nelle ultime settimane.

In questo momento questi farmaci scarseggiano sul mercato, non solo a causa del coronavirus ma anche perché sono molto spesso prodotti in Asia. Secondo Haudenschild l'attuale crisi consentirà di valutare se il sistema di stoccaggio obbligatorio in vigore in Svizzera è adatto alle pandemie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.