Navigation

Coronavirus: Belgio; metà cantoni svizzeri su lista arancione

Uno scorcio di Bruxelles, capitale del Regno del Belgio. KEYSTONE/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2020 - 15:03
(Keystone-ATS)

Il Belgio ha ampliato la propria "lista arancione" delle regioni a rischio coronavirus.

Sono ora tredici i cantoni sotto osservazione speciale, indica oggi il Blick online, che ha consultato la pagina web del Ministero degli affari esteri belga dedicata a questa emergenza.

II viaggiatori sono chiamati a essere particolarmente vigili nei paesi e nelle regioni inclusi nella lista arancione. Al loro ritorno si consiglia di osservare una quarantena o di effettuare un test.

I cantoni svizzero tedeschi interessati sono Basilea Città, Zurigo, Glarona, Lucerna, Sciaffusa, Soletta, Appenzello Esterno, Turgovia e Uri; quelli romandi sono Vallese, Vaud, Friburgo e Ginevra, con quest'ultimo depennato dalla "lista rossa".

All'inizio di agosto il ministero degli esteri di Bruxelles aveva inserito Ginevra, Vaud e Vallese nella lista rossa, vietando i soggiorni non urgenti in questi cantoni. Il consigliere federale Ignazio Cassis era intervenuto e Bruxelles, riuscendo a far cancellare Vaud e Vallese dalla lista, ma non Ginevra. A luglio, è toccato al Ticino finire sulla lista arancione. Anche in quel caso, dopo l'intervento del Dipartimento federale degli affari esteri, il cantone sudalpino era stato stralciato dalle regioni a rischio.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.