Navigation

Coronavirus: Berset, governo non tamponerà perdite ospedali

Il consigliere federale Alain Berset chiude la porta in faccia agli ospedali su un possibile rimborso. KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 agosto 2020 - 17:59
(Keystone-ATS)

Il consigliere federale Alain Berset non ritiene che Berna debba farsi carico delle perdite a livello di entrate degli ospedali, imputabili alla pandemia.

Non vi è motivo perché ciò accada, ha detto il responsabile della sanità oggi ai media al termine di un incontro con rappresentanti dei nosocomi e delle assicurazioni.

Per contro il governo si è assunto le spese supplementari legate alla crisi sanitaria, come il costo dei tamponi per rilevare il Covid-19. Ma l'esecutivo non ha i mezzi mettere una pezza pure sui mancati introiti, ha affermato il ministro dell'interno, ricordando che "molto è già stato fatto per sostenere l'economia".

Gli ospedali in primavera hanno dovuto rinunciare per cinque settimane, in piena emergenza coronavirus, a ogni operazione chirurgica non urgente: una decisione imposta dal Consiglio federale. L'organizzazione di categoria H+ ha di recente stimato che i danni conseguenti potrebbero ammontare anche a 2,6 miliardi di franchi.

Secondo gli assicuratori non vi è stato un calo del giro d'affari tra gennaio e fine luglio in confronto al 2019, ha però fatto notare Berset. Per il friburghese bisogna prima di tutto chiarire le cifre prima di sedersi a un tavolo a discutere.

Berset ha precisato che gli interventi sono stati rinviati e non annullati: ora dunque vi è del lavoro arretrato che dovrebbe impedire perdite alla voce entrate. Il ministro ha inoltre ricordato come diversi settori della sanità abbiano avuto più da fare nel periodo di semiconfinamento che in tempi normali.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.