Navigation

Coronavirus: British contro quarantena, valuta azione legale

British Airways valuta un'azione legale contro la la decisione del governo di Boris Johnson d'imporre a partire da lunedì 8 una severa quarantena obbligatoria di 14 giorni a tutti coloro che arriveranno nel Regno Unito (foto simbolica) KEYSTONE/EPA/NEIL HALL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2020 - 13:50
(Keystone-ATS)

British Airways alza la voce e minaccia azioni legali contro la decisione del governo di Boris Johnson d'imporre a partire da lunedì 8 una severa quarantena obbligatoria di 14 giorni a tutti coloro che arriveranno nel Regno Unito dall'estero, con o senza sintomi.

Misura che l'esecutivo Tory rivendica come una necessità temporanea - per almeno tre settimane - in vista del graduale alleggerimento del lockdown per ridurre il rischio di reintrodurre il coronavirus da fuori ora che il tasso dei contagi è in calo sul fronte interno; ma che i vettori aerei e l'industria del turismo denunciano come punitivo, eccessivo e ingiustificato.

Willie Walsh, amministratore delegato di Iag, la holding che controlla la compagnia di bandiera, ha bollato il provvedimento come "irrazionale e sproporzionato", aggiungendo che esso "silura l'opportunità di tornare a volare a luglio". Di qui l'ipotesi di portare il governo in tribunale. "Noi pensiamo sia una normativa irrazionale e i nostri avvocati stanno valutando i margini di un ricorso legale", ha detto Walsh.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.