Navigation

Coronavirus: CF: frontiera resta aperta per frontalieri

Le frontiere restano aperte ai frontalieri. KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 marzo 2020 - 18:08
(Keystone-ATS)

I frontalieri italiani potranno spostarsi verso la Svizzera per svolgere la loro attività lavorativa: "la frontiera tra i due Paesi resta aperta", indica il Consiglio federale in una nota diffusa in serata.

Nel comunicato si precisa che "l'informazione è stata data dal ministro degli affari esteri italiano Luigi Di Maio al suo omologo, il consigliere federale Ignazio Cassis, durante un colloquio telefonico".

Dal canto suo il consigliere federale Alain Berset ha fatto nelle ultime ore il punto della situazione con il presidente del Governo ticinese Christian Vitta, per chiarire le implicazioni dello sviluppo dell'epidemia in Italia per il Cantone Ticino e per la Svizzera.

La nota diramata dal Consiglio federale precisa che i lavoratori possono continuare a spostarsi per esercitare la loro attività professionale, "sia tra le regioni italiane che tra la Svizzera e l'Italia", ciò dovrebbe così garantire "la continuità del sistema sanitario ticinese". I frontalieri dovranno avere un documento che attesti la loro attività professionale.

Il governo invita "espressamente" i datori di lavoro elvetici "a informare i loro collaboratori di queste disposizioni". Per tutte le altre attività le autorità italiane hanno emanato severe restrizioni. Di conseguenza si chiede agli Svizzeri e ai residenti in Svizzera di non recarsi nelle regioni interessate. La frontiera resta aperta anche per il traffico merci.

Le autorità italiane effettueranno controlli al fine di fare rispettare le decisioni adottate dal loro Governo. In particolare installeranno un sistema di monitoraggio alle frontiere della zona di sicurezza, compresa la frontiera nord, e questo per verificare che abbiano luogo solo gli spostamenti autorizzati.

Anche la Svizzera installerà un sistema di monitoraggio, le cui modalità di impiego saranno definite nelle prossime ore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.