Navigation

Coronavirus: CHUV, garage ambulanze trasformato in ospedale

Il CHUV di Losanna si sta attrezzando contro il Covid-19. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 aprile 2020 - 09:58
(Keystone-ATS)

L'Ospedale universitario di Losanna (CHUV) si sta adattando per accogliere un'eventuale ondata di pazienti affetti da Covid-19, ampliando il proprio pronto soccorso. A subire una metamorfosi è stato il garage delle ambulanze.

Il parcheggio, svuotato dai veicoli, è ora diventato uno spazio in grado di assistere 18 persone.

"Cerchiamo sempre di essere due passi avanti", ha affermato al quotidiano vodese "24 heures" il professor Pierre-Nicolas Carron, capo del servizio emergenze della struttura. In questi giorni si è lavorato per aumentare la capacità d'accoglienza, che è raddoppiata, ha aggiunto.

Il garage ospita un'infrastruttura, completata all'esterno da un grande tendone, "degna di un ospedale svizzero", ha sottolineato lo specialista. Essa è equipaggiata con riscaldamento, mezzi informatici e ossigeno.

Questo e gli altri nuovi spazi non sono tuttavia pensati per ospitare i malati per un lungo periodo di tempo. Sono infatti stati ideati per liberare e sgravare gli altri settori del pronto soccorso. Stando a Carron infatti, nonostante siano state ricreate le condizioni di vere e proprie camere, le persone vi resteranno solo qualche ora, il tempo di decidere il da farsi.

Il professore ha inoltre ricordato che la presa a carico riguarda ogni malato o ferito, non solo chi è stato contagiato dal coronavirus. Globalmente però, i casi quotidiani trattati dal pronto soccorso del CHUV sono scesi da 150-200 a 80-100. "Forse la gente pensa che siamo sovraccaricati e non vuole disturbare, oppure ha paura di farsi infettare. Ma ci sono anche nettamente meno attività professionali e sportive rispetto al solito", ha fatto notare Carron.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.