Navigation

Coronavirus: Cina, 20 i morti e 10 dispersi in crollo hotel

Soccorritori al lavoro tra le macerie dell'albergo collassato. KEYSTONE/AP/Lin Shanchuan sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 marzo 2020 - 08:19
(Keystone-ATS)

Sono 41 le persone tratte in salvo dalle macerie dell'hotel Xinjia, usato per le quarantene e crollato in Cina sabato sera a Quanzhou, città della provincia del Fujian, mentre i decessi confermati sono saliti a 20.

Nell'ultimo bilancio della tragedia fornito dalle autorità locali, aggiornato alle 9.00 (le 2.00 in Svizzera), i dispersi si sono ridotti a 10, ma gli sforzi dei soccorritori stanno andando avanti senza sosta.

L'albergo, finito nel 2018, è collassato per gravi problemi strutturali: era stato adattato di recente per la quarantena supplementare ai guariti dal coronavirus. L'hotel, secondo quanto riferito dalle autorità, era stato costruito illegalmente e rinnovato più volte, mentre il ministero della Gestione delle emergenze ha avviato un'indagine cui risultati saranno diffusi non appena conclusa.

Il primo piano era interessato da lavori di ristrutturazione già prima del Capodanno lunare: i lavoratori, secondo i media locali, avvertirono il proprietario della struttura di un pilastro portante deformato proprio poco prima del collasso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.