Navigation

Coronavirus: Cina, accertati 433 nuovi casi e 29 morti

Nuovo bilancio dei casi di coronavirus in Cina KEYSTONE/AP/Ng Han Guan sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 febbraio 2020 - 07:02
(Keystone-ATS)

La Cina ha registrato nella sola giornata di ieri 433 nuovi casi di infezione da coronavirus e 29 nuovi decessi.

Lo riferisce la Commissione sanitaria nazionale (Nhc) nel suo aggiornamento quotidiano sulla crisi, precisando che nella provincia dell'Hubei, epicentro dell'epidemia, le infezioni aggiuntive certe sono state 409 e i decessi 26.

Tra i 29 decessi di ieri, ai minimi da oltre un mese, oltre ai 26 dell'Hubei, ne figurano uno a Pechino e uno ciascuno nelle province di Heilongjiang ed Henan.

Mercoledì, inoltre, sono stati registrati 508 casi sospetti e la guarigione di 2.750 persone dimesse dagli ospedali per un totale di 32.495, mentre i pazienti in condizioni gravi sono calati di 406 unità, a 8.346. I contagi accertati nel Paese sono saliti a 78.497 in tutto il Paese, di cui 2.744 causa di morte.

La Commissione sanitaria nazionale ha poi precisato che 2.358 soggetti sono ancora sospettati di essere infetti. Sono stimati in 652.174 le persone tracciate che sono venute a contatto con casi positivi al coronavirus: di questi, 12.823 sono stati rilasciati al completamento della fase di osservazione medica, mentre 71.572 lo sono tuttora.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.