Navigation

Coronavirus: completato a Wuhan il primo ospedale speciale

"È pronto" KEYSTONE/AP/MAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2020 - 13:04
(Keystone-ATS)

Il primo ospedale speciale di Wuhan, deciso e costruito in tempi record per far fronte alla crisi del nuovo coronavirus, è stato completato e domani, come da programma, comincerà ad accogliere i pazienti.

La struttura, nota con il nome di Huoshenshan, sarà gestito dai medici militari, hanno riferito i media cinesi.

La struttura, da 1000 posti letto, è attrezzata per dare assistere fino a 10'000 pazienti: sarà operativa da domani, ma dal 6 febbraio sarà affiancata dall'ospedale gemello, il Lieshenshan, da 1500 posti letto.

Il presidente Xi Jinping, a capo della Commissione centrale militare, ha dato l'approvazione all'invio del personale medico militare composto da 1400 unità. All'Huoshenshan, infatti, ci saranno 950 medici degli ospedali collegati alla People's Liberation Army (PLA) Joint Logistic Support Force, e altri 450 provenienti dalle università militari tra esercito, marina e aeronautica, già presenti a Wuhan.

Tra i medici inviati ci sono alcuni che hanno un'esperienza consolidata nelle malattie infettive, avendo partecipato alla campagna contro la Sars del 2003 - in particolare, all'ospedale Xiaotangshan costruito a Pechino e in fase di ammodernamento per ritornare in servizio contro il coronavirus -, e alle missioni anti-Ebola in Sierra Leone e Liberia. Sul posto, a Wuhan, ci sono anche 15 esperti di prevenzione e controllo delle epidemie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.