Navigation

Coronavirus: contadini temono mancanza manodopera

Rischia di mancare la manodopera nei campi, soprattutto per il raccolto di fragole e asparagi. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2020 - 13:50
(Keystone-ATS)

I contadini svizzeri temono di non avere abbastanza aiuto per il raccolto di quest'anno a causa della crisi del coronavirus. Particolarmente colpiti dalla carenza di manodopera sarebbero i prodotti stagionali, come gli asparagi e le fragole.

Nel settore agricolo europeo sono impiegate moltissime persone, numerose delle quali provengono dai Paesi dell'est. Secondo il Landwirtschaftliche Informationsdienst (LID), il servizio di informazione agricola, questa forza lavoro potrebbe venire a mancare, a causa della temporanea chiusura delle frontiere.

Situazione poco rosea anche per il settore vinicolo, che fa le spese della chiusura di ristoranti e bar, ha indicato Robin Haug, direttore dell'associazione di settore svizzerotedesca "Deutschschweizer Wein", citato dal LID. Il tempo ridotto - ha aggiunto Haug - è di scarso aiuto ai produttori, perché il lavoro nelle vigne e nelle cantine deve essere comunque fatto.

Le cose stanno invece andando bene, per il momento, per la vendita diretta in fattoria: sembra che i clienti preferiscano questi piccoli negozietti o banchetti self-service ai supermercati, e questo per mantenere basso il rischio di contagio, si legge nella nota del LID, che riporta la testimonianza di una contadina. Questo aumento della richiesta è benvenuto, dato che gli agricoltori si trovano a dover fare i conti con i mancati introiti dovuti alla chiusura dei ristoranti e al divieto per i mercati settimanali.

In Svizzera romanda il sindacato contadino Uniterre e altre organizzazioni si sono dichiarati "costernati" per la decisione del Consiglio federale di chiudere tutti i mercati. Si sarebbe potuto pensare a misure speciali e a riorganizzare il sistema di vendita: questa chiusura rappresenta una discriminazione rispetto agli altri negozi di alimentari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.