Navigation

Coronavirus: costi della salute continueranno ad aumentare

Secondo il futuro presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), Lukas Engelberger, i costi della salute continueranno ad aumentare KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2020 - 08:42
(Keystone-ATS)

I costi del sistema sanitario svizzero continueranno ad aumentare. È quanto ritiene il futuro presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), Lukas Engelberger, in un'intervista rilasciata alla Neue Zürcher Zeitung.

A suo avviso, la pressione dei costi non sparirà con il coronavirus, "al contrario".

"Vi sarà un rallentamento economico, che si rifletterà nel budget di molte persone. L'aumento delle spese sanitarie è particolarmente doloroso", ha spiegato Engelberger.

La pandemia del Covid-19 influenzerà pure la pianificazione ospedaliera. Secondo il responsabile del Dipartimento cantonale della sanità di Basilea Città, occorrerà accumulare delle riserve per le emergenze. "La sicurezza dell'approvvigionamento e la possibilità, se necessario, di aumentare le capacità a breve termine saranno di nuovo più importanti in futuro", ha aggiunto il consigliere di Stato basilese.

Secondo Engelberger, nuove misure di riduzioni delle spese saranno necessarie per frenare l'esplosione dei costi della salute. "Una delle possibilità è di utilizzare fondi dei settori in cui le cure sono eccessive, come quelli per le articolazioni artificiali delle anche o delle ginocchia". Un altro margine di manovra esiste nel catalogo di prestazioni sottoposte all'assicurazione malattie, ha sottolineato ancora il consigliere di Stato.

A suo avviso, invece, sembra attualmente difficile aumentare i salari delle infermiere. "Non c'è modo di aumentare la massa salariale totale dei lavoratori del settore sanitario". Ma una migliore ridistribuzione delle risorse tra le varie categorie professionali è possibile. Per Engelberger, "in talune discipline, la remunerazione delle attività mediche è oggi troppo elevata".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.