Navigation

Coronavirus: Croce Rossa, sanità in Africa verso il crollo

Secondo il Comitato internazionale della Croce Rossa, l'Africa potrebbe crollare a causa del coronavirus KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2020 - 19:39
(Keystone-ATS)

Il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr) afferma che i sistemi sanitari dell'Africa potrebbero crollare per la pandemia di Covid-19.

Le regioni del continente colpite da conflitti sono una preoccupazione particolare, visto che molti ospedali sono già stati danneggiati e si è a corto di acqua pulita e sapone necessari per combattere il virus.

Nel nord del Mali, il 93 per cento delle strutture sanitarie è già stato distrutto. In Burkina Faso, mentre le persone fuggono dai combattimenti, la popolazione della città di Djibo - situata nella regione del Sahel - è raddoppiata. Il distanziamento sociale è quindi impossibile, come afferma ancora il Cicr.

Nel frattempo le restrizioni ai viaggi introdotte da alcuni stati africani potrebbero arrestare i programmi di aiuto. Il Cicr ha vietato i viaggi non essenziali per il proprio personale, ma afferma che farà del suo meglio per continuare a fornire medicine e cibo alle fasce di popolazione più vulnerabili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.