Navigation

Coronavirus: Cummings, errore non aver informato il premier

Dominic Cummings, consigliere politico capo di Boris Johnson l KEYSTONE/EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2020 - 18:09
(Keystone-ATS)

Dominic Cummings, consigliere politico capo del premier britannico Boris Johnson investito dall'accusa di aver violato le restrizioni del lockdown imposte dal coronavirus, ha confermato di essersi trasferito da Londra a Durham nella proprietà dei genitori.

Ha spiegato di averlo fatto per garantire la sicurezza del figlio e della moglie, colpita dai sintomi del Covid-19. Ha quindi ammesso come "un errore" il fatto di non aver informato Johnson se non diversi giorni dopo, quando il premier era in ospedale, ma non ha chiesto scusa al pubblico, insistendo di aver agito convinto che spostarsi fosse "la miglior cosa da fare" e fosse "legale" sulla base delle eccezioni previste dalle regole sul lockdown.

Cummings ha tuttavia riconosciuto che ci possono essere valutazioni diverse e che nel Paese si sono diffusi sentimenti di "collera per ciò che è stato riferito dai media sulle mie azioni".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.