Navigation

Coronavirus: dentisti riducono attività, farmacie si proteggono

Coronavirus: farmacie, dentisti e grandi distributori prendono misure (foto d'archivio). KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 marzo 2020 - 11:45
(Keystone-ATS)

A causa del coronavirus, i dentisti riducono l'attività alle cure necessarie. Le farmacie adottano misure di protezione e montano pareti protettive in plexiglas.

I dentisti attuano le disposizioni del Consiglio federale, che tengono aperti gli studi medici, "ma si astengono da interventi e terapie mediche che non sono indicate con urgenza", ha reso noto la Società Svizzera Odontoiatri (SSO).

L'associazione di categoria assicura che chi ha mal di denti e non è malato continuerà ad essere curato. Tutti gli altri appuntamenti saranno invece rinviati fino a nuovo avviso. Sono considerati necessari gli interventi a seguito di incidenti, i trattamenti per prevenire danni strutturali e quelli ancora da portare a termine.

Farmacie si proteggono

Anche le farmacie svizzere adottano misure di protezione, come l'installazione di pareti protettive in plexiglas. Per garantire le prestazioni mediche di base vengono inoltre introdotte offerte aggiuntive come il servizio di consegna a domicilio o le cassette di raccolta al di fuori della farmacia, informa l'Associazione svizzera dei farmacisti pharmaSuisse.

L'associazione ricorda inoltre che le mascherine protettive sono riservate alle persone malate. I disinfettanti sono di nuovo disponibili in molte farmacie, ma in alcuni casi scarseggiano le confezioni. Si invita pertanto la popolazione a non buttare i flaconi di disinfettante vuoti, ma a portarli in farmacia per essere riempiti. Altra raccomandazione: i prodotti disinfettanti andrebbero utilizzati quando non è possibile lavarsi in modo corretto le mani con acqua e sapone.

Pareti in plexiglas anche alla Migros

Anche Migros installerà nei prossimi giorni pannelli in plexiglas davanti alle casse per proteggere il personale. Il grande distributore invita inoltre i clienti a pagare gli acquisti preferibilmente con una carta, piuttosto che in contanti.

Tutti i 100'000 collaboratori del gruppo Migros sono stati dotati di disinfettanti. La disponibilità di questi prodotti è però ormai limitata e Migros ha deciso di produrli in una propria azienda, ha detto a Keystone-ATS il portavoce di Migros Marcel Schlatter.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.