Navigation

Coronavirus: desametasone può salvare 650.000 vite in 6 mesi

Un utilizzo precoce del corticosteroide desametasone nei pazienti Covid con difficoltà respiratorie permetterebbe di salvare circa 650.000 vite nei prossimi sei mesi di pandemia nel mondo. Lo afferma uno studio dell'Universià di Oxford, ben nota perché al lavoro su un vaccino. KEYSTONE/AP/Steve Parsons sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2020 - 14:58
(Keystone-ATS)

Un utilizzo precoce del desametasone nei pazienti Covid con difficoltà respiratorie permetterebbe di salvare circa 650.000 vite nei prossimi sei mesi di pandemia nel mondo. Lo afferma uno studio dell'Universià di Oxford, ben nota perché al lavoro su un vaccino.

Molti scienziati hanno esplorato l'uso di farmaci nuovi e già approvati contro l'infezione da Sars-Cov-2 e, tra i pochi promettenti, il desametasone, un corticosteroide, ha mostrato di ridurre la mortalità del 18% e del 36% nei pazienti Covid-19 sottoposti, rispettivamente, ossigeno e ventilazione.

Nel nuovo studio, pubblicato sul server di prestampa medRxiv, i ricercatori hanno stimato, tramite un algoritmo, gli effetti se questo trattamento venisse implementato. Solo per il Regno Unito, circa 12.000 vite potrebbero essere salvate entro gennaio 2021.

Supponendo che il desametasone abbia un effetto simile in contesti in cui l'accesso alle terapie con ossigeno è limitato, ciò si tradurrebbe in circa 650.000 vite salvate a livello globale.

I vantaggi del desametasone includono la sua convenienza, la lunga storia di utilizzo e un buon profilo di sicurezza. I ricercatori ne hanno valutato anche l'aspetto economico, determinando un risparmio di 8200 sterline per ogni vita salvata, il che lo rende anche un'opzione di trattamento economica.

In conclusione, lo studio posiziona il desametasone come opzione terapeutica standard candidata per i pazienti con Covid-19.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.