Navigation

Coronavirus: DFAE ha già rimpatriato oltre 2'000 Svizzeri

Un aereo della compagnia Edelweiss Air in fase di atterraggio all'aeroporto di Zurigo-Kloten KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2020 - 08:23
(Keystone-ATS)

L'operazione di rimpatrio dei cittadini elvetici lanciata dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) è proseguita ieri sera con l'arrivo di tre voli in provenienza dal Perù, dalla Tunisia e dal Camerun.

Dal 24 marzo, il DFAE ha già riportato in Svizzera oltre 2'000 connazionali tramite 13 voli. Si tratta di persone che non hanno potuto organizzare autonomamente il loro rientro nella Confederazione a causa delle restrizioni di viaggio legate al Covid-19, scrive il DFAE sul suo sito internet.

Stando ai servizi di Ignazio Cassis, migliaia di viaggiatori sono ancora bloccati all'estero. Altri voli sono previsti nei prossimi giorni. Due aerei sono attesi oggi in provenienza da Yangon (Myanmar) e da Casablanca (Marocco). Voli in partenza da Phuket (Thailandia), Quito (Ecuador) e Phnom Penh (Cambogia) dovrebbero invece atterrare all'aeroporto di Zurigo-Kloten domani. Domenica è previsto l'arrivo in Svizzera di un aereo in provenienza da Sydney.

La Confederazione accoglie inoltre viaggiatori di altri Paesi sui suoi voli verso l'Europa. Finora ne sono giunti circa un migliaio. In cambio, il DFAE verifica se vi siano posti per cittadini elvetici su voli approntati da altri Stati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.