Navigation

Coronavirus: dichiarato stato d'emergenza in tutto il Giappone

Il premier giapponese Shinzo Abe (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/Tomohiro Ohsumi sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2020 - 15:40
(Keystone-ATS)

Stato d'emergenza in tutto il Giappone. Il premier Shinzo Abe ha esteso su tutto il territorio, per coprire tutte le 47 prefetture, lo stato d'emergenza inizialmente dichiarato il 7 aprile per Tokyo e altre sei regioni.

Lo riferisce l'agenzia Kyodo dopo le anticipazioni di questa mattina.

L'obiettivo è contenere la diffusione del coronavirus nel Paese con 126 milioni di abitanti.

Per Shinzo Abe, che aveva resistito a lungo prima dell'annuncio del 7 aprile e che aveva sperato fino all'ultimo di poter ospitare le Olimpiadi, è necessario ridurre dell'80% i contatti fra le persone. Il premier, riporta la Kyodo, ha anche annunciato bonus da 100'000 yen per tutti i cittadini (l'equivalente di circa 901 franchi).

Le ultime notizie arrivano in vista della 'settimana d'oro', un periodo di feste primaverili che va dal 29 aprile al 5 maggio. "È urgente l'adozione di misure per mantenere al minimo il flusso di persone prima delle vacanze", ha detto il ministro Yasutoshi Nishimura, incaricato di gestire le questioni relative allo stato d'emergenza.

Le misure annunciate il 7 aprile scadono il 6 maggio. Le autorità locali hanno il potere di optare per "misure preventive più dure".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.