Navigation

Coronavirus: Francia, treni e aerei ridotti drasticamente

I trasporti a lungo raggio in treno, pullman o aereo saranno "progressivamente ridotti" nei giorni prossimi, ha dichiarato la ministra della transizione ecologica, Elisabeth Borne. KEYSTONE/EPA POOL/CHRISTOPHE PETIT TESSON / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 marzo 2020 - 13:16
(Keystone-ATS)

La Francia ha deciso di ridurre drasticamente i trasporti a lungo raggio, per limitare la propagazione del coronavirus. Il traffico ferroviario sarà dimezzato e rimarranno operativi soltanto "alcuni voli" internazionali, ha annunciato il governo.

I trasporti a lungo raggio in treno, pullman o aereo saranno "progressivamente ridotti" nei giorni prossimi, ha dichiarato la ministra della transizione ecologica, Elisabeth Borne. L'obiettivo è di "limitare allo stretto necessario gli spostamenti lunghi e frenare la diffusione del virus", anche se "tutti potranno far ritorno a casa" e non ci saranno "sospensioni improvvise".

Per gli aerei, rimarranno operativi soltanto "alcuni voli per gli Stati Uniti, l'Africa, qualche tratta interna e per i territori d'Oltremare", ha aggiunto il sottosegretario ai trasporti, Jean-Baptiste Djebbari. Gli aeroporti resteranno aperti ma chiuderanno alcuni terminali entro il prossimo fine settimana nei due aeroporti parigini, Roissy e Orly.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.