Navigation

Coronavirus: GastroSuisse, fino a 100'000 impieghi minacciati

La situazione per la ristorazione in Svizzera è drammatica. Immagine d'archivio. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2020 - 10:20
(Keystone-ATS)

A causa della pandemia di Covid-19, il settore della ristorazione in Svizzera sta attraversando un periodo drammatico.

Se non si fa nulla, nell'immediato futuro il ramo potrebbe perdere fino a 100'000 posti di lavoro, ha avvertito oggi il presidente di GastroSuisse, Casimir Platzer, in una conferenza stampa a Zurigo.

Con il crescente numero di restrizioni imposte per motivi sanitari, le entrate sono crollate e molti stabilimenti hanno dovuto chiudere, ha detto. Circa due quinti potrebbero non superare l'inverno.

"In molte realtà i crediti Covid sono finiti", ha continuato Platzer. "Molti imprenditori non hanno più alcuna prospettiva". "Abbiamo comprensione per alcune misure", ha detto ancora, ma il pericolo di contagio nella gastronomia è irrisorio, ha sottolineato affermando che i concetti di protezione funzionano.

Per mercoledì sono attesi nuovi annunci del Consiglio federale riguardanti ulteriori misure di lotta all'epidemia di coronavirus e la ristorazione segue con attenzione l'evolvere della situazione, poiché potrebbe essere coinvolta direttamente.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.