Navigation

Coronavirus: Gaza, crisi economica fomenta violenza casalinga

Le donne sono tra le principali vittime della violenza casalinga nella striscia di Gaza. KEYSTONE/EPA/MOHAMMED SABER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2020 - 18:14
(Keystone-ATS)

Mentre due milioni di persone a Gaza vivono giornate di tensione nel timore che presto o tardi anche nella Striscia si manifesti il coronavirus nell'intimo delle abitazioni c'è già chi da un mese sta pagando in prima persona il prezzo della crisi sanitaria.

Secondo la organizzazione Aisha per la protezione delle donne e dei bambini si sta registrando un netto aumento nelle violenze familiari in seguito all'ordine impartito alla popolazione di uscire il meno possibile per strada. "In particolare - ha detto all'agenzia italiana ANSA la direttrice di Aisha, Rim Freineh - sono denunciate pressioni psicologiche e violenze verbali. Talvolta si giunge anche a violenze fisiche".

Nel 70 per cento dei casi, la causa immediata delle violenze è da attribuirsi alle accresciute difficoltà economiche. Ad esse si aggiungono complicazioni legate alla chiusura dei tribunali islamici che si occupano delle vertenze familiari e dei tribunali civili. La polizia ha intanto ricevuto altre incombenze più urgenti.

Di fronte a situazioni di violenza, nel 59 per cento dei casi - secondo Freineh - non resta dunque altra scelta che chiedere aiuto alla famiglia. Altri si rivolgono ad Ong come la sua, o ai vicini. "Mancano - secondo Freineh - piani preordinati per affrontare le violenze familiari".

La situazione, avverte, si fa sempre più preoccupante. Organizzazioni come Aisha possono oggi solo dare voce al senso di impotenza di chi denuncia di essere vittima di sopraffazioni domiciliari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.