Navigation

Coronavirus: GB; Johnson conferma, fase 2 dal 4 luglio

In Inghilterra la distanza tra le persone potrebbe essere ridotta da 2 metri a un metro. Keystone/EPA/NEIL HALL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2020 - 16:42
(Keystone-ATS)

Il premier Boris Johnson ha confermato i piani del suo governo per un'ulteriore tappa di alleggerimento del lockdown in Inghilterra a partire dal 4 luglio, col previsto riavvio di pub, ristoranti, hotel e saloni di bellezza.

"Resto attaccato con la colla" a questa road map, ha detto Johnson in tv da Downing Street, ribadendo che per quella data dovrebbe entrare in vigore anche la possibile revisione da 2 metri a un metro dell'obbligo di distanziamento sociale fra le persone: obbligo insostenibile nella misura attuale per molte attività di business, il cui riesame da parte dei consulenti dell'esecutivo dovrebbe produrre una decisione finale "in settimana".

La pandemia "è sempre più sotto controllo", ha proseguito il premier riferendosi al calo di casi e ricoveri nel paese, " e i progressi che stiamo facendo rendono possibili ulteriori riaperture anche nel settore dell'ospitalità dal 4 luglio". Tuttavia, ha concluso, "è importante non abbassare la guardia sulla malattia" e tenerla sotto controllo per restare "sul fondo (della curva dei contagi) dove siamo arrivati".

Intanto oggi vi è stato il primo atterraggio dopo circa tre mesi di stop all'aeroporto londinese di London City: uno degli scali chiusi completamente in città in seguito al lockdown imposto dall'emergenza coronavirus a differenza di altri - come Heathrow - rimasti sempre operativi, seppure a bassa intensità. Il volo che segna la ripresa è regionale: è decollato nel pomeriggio verso la capitale britannica dall'Isola di Man.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.