Navigation

Coronavirus: Gb non potrà abbassare guardia per almeno 6 mesi

Piccadilly Circus a Londra, quasi deserto KEYSTONE/EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2020 - 20:06
(Keystone-ATS)

Il Regno Unito spera di poter riuscire a invertire la rotta dei contagi da coronavirus, ora in fase d'impennata, nelle prossime settimane se il lockdown sarà rispettato dalla popolazione, ma non di tornare alla normalità prima di "sei mesi" e forse più.

Lo ha rimarcato oggi Jenny Harries, numero due del chief medical officer Chris Whitty, principale consigliere sanitario del governo di Boris Johnson attualmente infettato e in isolamento al pari del premier.

"Se avremo successo nell'abbassare la curva (dei contagi) sarà fantastico", ha detto Harries, nel briefing di giornata a Downing Street. "Ma non dovremo comunque tornare subito alla vita normale, perché fermarsi potrebbe condurci a un secondo picco" dell'epidemia e a "vanificare i nostri sforzi", ha poi spiegato, indicando "probabilmente sei mesi" per uscire dal tunnel.

Harries ha più tardi precisato che non si tratterà necessariamente di mantenere il lockdown generale, aggiungendo comunque di sperare al massimo nei 6 mesi in "una graduale revisione delle misure di distanziamento sociale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.