Navigation

Coronavirus: il Giappone proroga l'emergenza al 31 maggio

Lo stato di emergenza in Giappone è piuttosto una richiesta ai cittadini di evitare su base volontaria le uscite non essenziali. Keystone/AP/EUGENE HOSHIKO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2020 - 16:22
(Keystone-ATS)

Il premier giapponese Shinzo Abe ha raggiunto un accordo per estendere lo stato d'emergenza nel paese fino alla fine del mese, dalla scadenza prevista del 6 maggio, per tentare di contenere l'emergenza della pandemia del coronavirus.

Lo anticipa l'emittente pubblica Nhk, spiegando che nella giornata di oggi il premier ha incontrato il ministro per lo sviluppo economico Yasutoshi Nishimura e il ministro della salute Katsunobu Kato, acconsentendo al termine del 31 maggio. La decisione finale verrà comunicata nel corso di una conferenza stampa prevista nella giornata di domani.

Lo stato di emergenza in Giappone non equivale ad un lockdown sul modello europeo, piuttosto si tratta di una richiesta ai cittadini di evitare su base volontaria le uscite non essenziali, raccomandando alle attività commerciali e ai negozi di ridurre gli orari di apertura al pubblico e alle aziende e agli uffici di promuovere il lavoro da casa.

Secondo i media locali, il governo potrebbe optare per una riapertura dei parchi e dei musei, delle biblioteche e di altri servizi pubblici nel rispetto di adeguate misure di distanziamento sociale.

Ad oggi i casi di infezione da coronavirus in Giappone si assestano a quota 14'877 con 517 morti accertate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.