Navigation

Coronavirus: il lockdown è un ricordo, lo stress no

In molti restano sotto stress anche a lockdown finito. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2020 - 12:21
(Keystone-ATS)

Nonostante l'allentamento delle misure anti-coronavirus e il progressivo ritorno a un certo grado di normalità, parecchi svizzeri continuano a sentirsi più stressati rispetto a prima dell'inizio della pandemia.

La frequenza dei sintomi depressivi gravi è addirittura superiore a quella osservata durante il lockdown.

Secondo uno studio dell'Università di Basilea, il 50% dei partecipanti a un sondaggio online afferma di essersi sentito più sotto stress del solito durante la fase di confinamento. Tale percentuale è ora scesa, ma rimane al 40%, rivela l'ateneo renano in una nota odierna.

Il 24% degli interrogati dichiara invece di non aver sofferto di maggiore stress nel corso del lockdown, tasso che sale al 28% per le settimane successive. La percentuale di persone che hanno accusato meno tensione è passata dal 26% al 32%.

Sembra in crescita la quota di chi deve fare i conti con seri sintomi depressivi. Nei mesi del confinamento il dato era al 9%, oggi si avvicina al 12%. Al contrario, gli svizzeri che hanno percepito più ansia in confronto al periodo precedente la comparsa del Covid-19 è calata dal 57% durante il lockdown al 41% attuale.

I dati aggiornati sui livelli di stress della popolazione si riferiscono alla seconda indagine sull'argomento, relativa al periodo dall'11 maggio al 1° giugno, caratterizzato dal graduale abbandono dei provvedimenti introdotti per contrastare la diffusione del virus. Stando all'università, al sondaggio anonimo hanno preso parte 10'303 persone.

Sebbene non si tratti di risultati rappresentativi, l'istituto sottolinea che essi riflettono la situazione di un ampio spettro dei cittadini. Lo studio, in modo inaspettato per i ricercatori, ha anche evidenziato come le persone anziane, soprattutto gli uomini, siano particolarmente resilienti, malgrado l'infezione li esponga a grossi rischi per la salute.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.