Navigation

Coronavirus: il Missouri fa causa al governo cinese

Il procuratore generale del Missouri accusa il governo cinese di avere nascosto informazioni, arrestato gli informatori e negato la "natura" del coronavirus, con gravi conseguenze per il suo Stato. KEYSTONE/EPA/CENTERS FOR DISEASE CONTROL AND PREVENTION HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 aprile 2020 - 12:32
(Keystone-ATS)

Il procuratore generale del Missouri Eric Schmitt ha presentato una causa contro il governo cinese per la perdita di vite umane e le conseguenze economiche nel Missouri provocate dal coronavirus. Lo riferisce la Cnn.

La causa, la prima intentata da uno Stato contro la Cina, è indirizzata contro il governo di Pechino, il Partito comunista cinese e altre istituzioni e accusa il governo di avere nascosto informazioni, arrestato gli informatori e negato la "natura" del virus, con gravi conseguenze nel Missouri.

La Cina respinge la mossa dello Stato del Missouri, definendola "a dir poco una assurdità" e priva di base fattuale o legale. Il portavoce del ministero degli esteri, Geng Shuang, ha notato che la risposta cinese al coronavirus non è sotto la giurisdizione dei tribunali statunitensi, rilevando che sono state date informazioni a Washington sulla vicenda dal 3 gennaio. "Tale abuso di contenzioso non è favorevole alla risposta epidemica in Usa e contrasta con la cooperazione internazionale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.