Navigation

Coronavirus: in Iran 2 mila morti e 27 mila casi

Il presidente iraniano Hassan Rohani ha annunciato che tuttii gli iraniani devono restare a casa almeno 15 giorni in seguito all'aumento di casi di coronavirus KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2020 - 11:21
(Keystone-ATS)

Altre 143 persone che avevano contratto il coronavirus sono decedute nelle ultime 24 ore in Iran, portando il totale a 2'077 vittime. I casi registrati aumentano a 27'017, con 2'206 nuovi contagi.

I guariti aumentano invece a 9'625. Lo riferisce il ministero della Salute di Teheran.

L'Iran adotterà quindi misure ancora più stringenti per contrastare la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato in diretta tv il presidente Hassan Rohani, spiegando che per 15 giorni ci saranno limitazioni alla libera circolazione che potrebbero "creare difficoltà". Finora, il governo di Teheran si era limitato a raccomandare alla popolazione di restare a casa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.