Navigation

Coronavirus: in Usa forse già presente a dicembre

Lo studio evidenzia un sospetto aumento dei ricoveri e dei pazienti con sintomi simili al Covid già verso la fine dell'anno. KEYSTONE/EPA/ETIENNE LAURENT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 settembre 2020 - 17:18
(Keystone-ATS)

Il coronavirus potrebbe essere stato presente in America già a partire da dicembre 2019. Lo suggerisce uno studio della University of California, Los Angeles (UCLA), pubblicato sul Journal of Medical Internet Research.

Lo studio è basato sull'analisi di dati medici di pronto soccorso, ambulatori e ospedali della zona californiana per un totale di oltre 10 milioni di dati clinici riferiti al trimestre dicembre 2019-febbraio 2020 e confrontati con lo stesso trimestre dei 5 anni precedenti.

I ricercatori hanno visto che a partire da dicembre 2019 fino a tutto il mese di febbraio vi è stato un aumento insolito (+50% rispetto allo stesso periodo nel quinquennio precedente) dei pazienti rivoltisi a ambulatori e pronto soccorso con tosse o ricoverati in ospedale per collasso respiratorio presso le strutture sanitarie della UCLA Health system.

Gli esperti ritengono ragionevole pensare che questo aumento mai registrato nei corrispondenti trimestri degli anni precedenti sia collegabile a casi di Covid prima che il primo caso ufficiale venisse poi documentato mesi dopo negli Usa.

Lo studio mostra anche che analizzare i dati clinici elettronici in tempo reale permetterebbe di anticipare i focolai epidemici e quindi arginarli prima ancora che scoppino.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.